Gamification

Quando si parla di Gamification si tende sempre a ricondurre il significato al mondo del gioco e dell’intrattenimento. Questa terminologia, introdotta per la prima volta nel 2010 da Jesse Schell, famoso game-designer americano, ha ormai assunto diverse varianti di significato in base al contesto di utilizzo, e in alcuni casi ancora non viene apertamente compreso in tutto il suo potenziale.

La Gamification si basa in effetti sull’inserimento di meccaniche ludiche in processi che altrimenti non lo sarebbero, al fine di coinvolgere ed attivare maggiormente gli utenti che ne fanno uso e creare quindi un ambiente favorevole alla produttività, allo scambio, e all’incoraggiamento nell’ottenere risultati di qualità.

Il processo gamificato si basa sull’invogliare gli utenti in maniera attiva e partecipativa, in modo che siano spronati all’azione e all’ottenimento di obiettivi con conseguente riconoscimento.

Da qui si può facilmente dedurre come l’utilizzo di questa dinamica possa in realtà essere canalizzato verso diversi settori, ottenendo sempre un discreto ritorno in termini di profitto.

Gli ambiti in cui si possono attivare i processi di gamification spaziano infatti dal business, dall’education, alla divulgazione dell’informazione, al gaming, al marketing fino alle social platform, sfruttando programmi sempre più evoluti e spesso in grado di mettere in relazione più di uno degli aspetti sopra elencati.

Un altro vantaggio ottenibile grazie all’uso della gamification è la possibilità di misurare il comportamento dell’utenza, raccogliendo dati utili che possono essere utilizzati in svariati modi a vantaggio dell’operatore. Infatti, tutto ciò che è descrivibile attraverso dati concreti può essere misurabile e di conseguenza osservabile per vari scopi, da quello puramente commerciale a quello di ricerca, di sviluppo, di aumento della produttività, ecc. ecc.

Il concetto di Gamification funzione perché facendo leva su desideri e bisogni delle persone permette di raggiungere obiettivi e ricompense sempre nuove, porta una sana competizione all’interno di un gruppo e all’affermazione personale in termini di community e prestigio sociale, basandosi sui risultati ottenuti.

Questi sono i punti di forza che caratterizzano la gamification, e rappresentano il potenziale sul quale basare il suo utilizzo presente e futuro.

Melazeta propone la nuova piattaforma FairPlay, il framework che abilita le meccaniche di gamification multi channel, e grazie al tracciamento del comportamento dell’utente, permette di ottimizzare la strategia del contenuto al fine di motivarlo e fidelizzarlo.

Articoli correlati

L’arte della Gamification

Con il termine Gamification si intende l’applicazione di dinamiche di gioco in contesti non ludici. Un progetto gamificato definisce obiettivi da raggiungere, livelli in cui progredire, competizione con gli altri utenti, condivisione dei propri successi e il guadagno...

leggi tutto